Italia Eventi 24
LinguaIT
A Ovodda per il ‘Mehuris de Lessia’
Le maschere girano per il paese,si incontrano,si disperdono per tutta la giornata,fino all'incontro serale nella piazza principale.

Una delle caratteristiche principali di questo carnevale,che risale a circa 500 anni fa,è che si celebra nel giorno in cui nel resto della Sardegna,e del mondo cattolico,inizia la Quaresima: il mercoledì delle ceneri ovvero su ‘Mehuris de Lessia’.

Le maschere girano per il paese,si incontrano,si disperdono per tutta la giornata,fino all’incontro serale nella piazza principale.

A Ovodda questo è il giorno in cui l’anarchia regna. Infatti questo carnevale barbaricino non segue un percorso fisso e non ha un’organizzazione prestabilita. Totale è l’assenza degli enti istituzionali e la mancanza di qualsiasi tipo di propaganda.

E il suono di un campanaccio a dare l’avvio ai festeggiamenti e al pellegrinaggio per il paese di ‘Don Conte‘,un fantoccio antropomorfo maschile,a volte ermafrodito,che indossa una larga tunica colorata da cui traspare una grossa pancia fatta di stracci.

Il volto,che può cambiare di anno in anno,viene realizzato con scorze di sughero o cartapesta. Caratteristica che ridicolizza Don Conte è la presenza di genitali accentuati che,assieme alla pancia smisurata,gli conferiscono un aspetto ridicolo.

Don Conte è la rappresentazione di un tiranno del paese che fu giustiziato dalla folla,che ripete il rito di anno in anno,per non dimenticare che Ovodda non si fa piegare dalla tirannia!

Pertanto si capisce che la triste fine di Don Conte è quella di venir vessato per tutto il giorno,per poi finire giustiziato,bruciato e lanciato da una scarpata a fine della festa.

Le maschere di Ovodda sono ‘Sos Intintos’,uomini dalla faccia imbrattata di fuliggine,generalmente vestiti con degli stracci. Alcuni di loro chiamati ‘Intinghidores’,imbrattano con il ‘zinziveddu,polvere di sughero bruciato,il viso di coloro che incontrano lungo il cammino,facendo si che chiunque venga imbrattato possa partecipare ai festeggiamenti con cui si accetta il caos e l’anarchia.

Intanto in piazza è allestito un ricco banchetto e s’improvvisa,intorno al fuoco e al suono della fisarmonica,"su ballu tundu"; alcuni giovani vanno di casa in casa a chiedere la questua (si tratta di solito di beni alimentari come dolci,frutta e pietanze varie); le maschere,in groppa ad asini o tenendo al guinzaglio animali di ogni tipo,gironzolano per il paese,mentre urla,canti ritmati,strumenti occasionali e campanacci creano una forte confusione,tipica di questa manifestazione.


Info

Pro Loco di Ovodda

Via Sassari,1

0784 549170

Daniela Deidda

891 eventi pubblicati

123 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

# Altre Notizie

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español