Italia Eventi 24
LinguaIT
Presentazione e proiezione del film di Giovanni Coda “Il Rosa Nudo” a Sassari
29/05/2013

Metti in evidenza il tuo evento

Mercoledì 29 Maggio,ore 20:45,all’Auditorium Provinciale in via Monte Grappa 2/c,Il Movimento Omosessuale Sardo,in collaborazione con MAB Teatro e Libreria Odradek presentano,per la prima volta a Sassari, "Il Rosa Nudo",ultimo film di Giovanni Coda,che sarà presente in sala insieme a parte del cast.
La proiezione verrà preceduta da una presentazione alle ore 18:00 alla Libreria Odradek con il regista,Giovanni Coda,la drammaturga Francesca Falchi,Salvatore Ligios,docente di fotografia all’Accademia delle Belle Arti di Sassari e Caterina Mura,presidentessa dell’ANPI.

Girato principalmente dentro all’ex cartiera di Quartu Sant’Elena,e il poligono di tiro in abbandono di Siliqua,“Il Rosa Nudo” è un’opera a metà tra documentario in bianco e nero e fiction video sperimentale.

Una fotografia essenziale,un’ambientazione scarna e incisiva obbliga lo spettatore all’ascolto della voce narrante,che arriva densa e sferzante e non fa sconti al suo attonito e partecipe interlocutore.

Una pellicola che vuole rompere un silenzio,quello sulle atrocità e torture che gli omosessuali usati come cavie hanno subito nei campi di concentramento nazisti. E’ la storia di Pierre Seele autore nel 1982 dell’autobiografia coming out ‘Moi,Pierre Seel,deportè homosexuel’,scritto in collaborazione con Jean Le Bitoux. "Imprigionato a 17 anni,torturato nel campo di Schirmeck e marchiato con il triangolo rosa – spiega Coda – assiste alla morte del proprio compagno,lasciato sbranare vivo dai cani".

Dopo la persecuzione e le torture nei campi di concentramento,Pierre vive una seconda “deportazione”: tornato in Patria,dopo la “liberazione del 1945”,dovrà nascondere a lungo la ragione per cui venne incarcerato dai nazisti,quella omosessualità che ancora a lungo,nelle “democrazie occidentali”,rimase un crimine o una profonda vergogna. Per questo i pochi omosessuali che sopravvissero alla follia nazista non poterono gioire con gli altri della liberazione. In Germania come nel resto d’Europa l’omosessualità era ancora causa di internamento,in galera come nelle case di cura. Pierre decise di nascondere al mondo il suo dramma,si sposò e diventò padre di tre figli.

Fino al 1982 quando non riesce più a trattenere il dolore e decide di denunciare l’orrore subito sotto il nazismo e la mancata liberazione di gay e lesbiche in quel lontano 1945.

"Il prezzo del coming out è altissimo – ricorda Coda – l’isolamento,l’abbandono da parte della sua famiglia. Solo nel 2002,tre anni prima della sua morte,gli viene riconosciuta la condizione di vittima dell’olocausto.

Per questo suonano così vere le sue parole: "la liberazione,quella vera,era per altrì".

Per anni Governi ed ex deportati rifiutarono di riconoscere la persecuzione omosessuale,i triangoli rosa,vietando a gay e lesbiche di partecipare alle commemorazioni ufficiali,negando loro lo status di vittime della persecuzione nazista,specialmente nella Germania del Paragrafo 175,l’articolo del codice penale tedesco che puniva il reato di sodomia,che venne cancellato solo nel 1994 dopo aver riportato in carcere,con l’accusa di omosessualità,diversi ex internati nei lager nazisti.
Per loro la liberazione non era ancora arrivata.

Posto unico: 5 euro
Riduzioni studenti di ogni ordine e grado: 3 euro
Prevendite: 3427738828 – 3497817180
L’iniziativa si inserisce nel percorso di Diritti al cuore DOC,manifestazione contro omofobia,razzismo e sessismo che si concluderà Sabato 8 Giugno con un grande corteo per le vie della città ed un concerto in piazza Tola.

Per maggiori informazioni www.dirittialcuore.org

Biofilmografia del regista: Giovanni Coda,videoartista,fotografo e regista cinematografico nasce artisticamente nel 1990.
Nel 1995 fonda l’Associazione Socio Culturale Labor e nel 1996 il V-art (Festival Internazionale Immagine d’Autore).
Ha 45 opere video all’attivo,diverse collezioni fotografiche e una vasta attività espositiva suddivisa fra pittura,fotografia e videoinstallazioni.
Negli ultimi anni ha realizzato mostre e performance di video arte presentate e premiate in Italia e all’estero.
Le sue opere sono state esposte a Madrid,Huelva,Assuncion,Siviglia,Barcellona,Francoforte,Berlino,Londra,Parigi,Tokyo,Kyoto,Beijing,New York,Amsterdam,Colonia,Roma,Milano,Venezia,Bergamo e altre città. Dopo la realizzazione de Il Rosa Nudo,è attualmente è impegnato nella pre-produzione del suo nuovo lavoro Four Lives on a Frame,ispirato alle vite e alle opere di Francesca Woodman,Diane Arbus,Claude Cahun e Tina Modotti.

Movimento omosessuale sardo

4 eventi pubblicati

3 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

# Altri Eventi

dal 22/09/2019 al 26/01/2020
Sanluri
dal 04/10/2019 al 21/11/2019
Paulilatino
dal 04/11/2019 al 27/11/2019
Cagliari
dal 19/11/2019 al 23/11/2019
Sassari
16/11/2019
Sant'Antioco
  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español