Italia Eventi 24
LinguaIT
Laura Mura presenta il suo ultimo disco in concerto al Teatro Alkestis di Cagliari
Laura Mura presenta in concerto il suo primo lavoro interamente autoprodotto,dal significativo titolo "Il mio disco".
06/11/2011

Metti in evidenza il tuo evento

Scritto,arrangiato e interpretato dalla stessa cantante cagliaritana,il disco è stato finanziato in maniera diretta dai suoi ascoltatori,attraverso un’insolita campagna web. Firma le note di copertina il trombettista Paolo Fresu,direttore della rassegna Nuoro Jazz,dove il progetto è stato presentato in anteprima l’anno scorso.
Domenica a Cagliari,accanto a Laura Mura,saranno sul palco Francesca Corrias (voce,percussioni,chitarra,melodica),Elia Casu (chitarra,balalaika,voce,basso,melodica) e Fabio Coronas (trombone,flicorno,voce,chitarra,melodica,basso).
Laura Mura,note autobiografiche:
Sono nata a Cagliari nel 1972 e ho cominciato a comporre musica da autodidatta a 4 anni,in una casa governata dall’opera e dalla musica classica (amavo soprattutto i compositori russi) e dove la proposta dell’opposizione era fatta di canti di protesta andini,pop,rock progressivo/punk/psichedelico e un po’ di jazz.
Una compositrice volevo essere,ma mi si disse che al conservatorio non si insegnava che ad eseguire composizioni altrui,così trovai una consolazione per questo lutto nell’idea di poter almeno cantare.
Fin dalla scuola elementare passavo delle ore,armata di dizionario,a tradurre i testi dei miei gruppi preferiti. Volevo cantare in inglese e verso le lingue ho indirizzato i miei studi,
poi completati con la fotografia all’Istituto Europeo di Design,in cui ho imparato a cogliere e sviluppare gli impulsi creativi.
A circa 16 anni ho cominciato a cantare dal vivo. Presto è arrivato il jazz,con gli amati Manolo Cabras,Matteo Carrus e Alessandro Garau. In seguito ho avuto il piacere di suonare anche con Alessandro Di Liberto,Sandro Fontoni,il BooBooSeptet,Augusto Pirodda,Marek Patrman,Gianluca Pischedda e Riccardo Pittau.
Ho potuto apprezzare,sia dal punto di vista formativo che umano,i seminari Nuoro Jazz,diretti da Paolo Fresu. Sono grata per l’effetto liberatorio sulla mia prigionia espressiva che hanno avuto gli insegnamenti di Maria Pia De Vito e Sheila Jordan. A Nuoro ho goduto anche delle masterclass di John Taylor,Butch Morris,Airto moreira,Uri Caine e David Linx.
A Cagliari,invece,ho avuto l’opportunità di partecipare all’interessante workshop di canto armonico tenuto da Llorenc Barber; al laboratorio sul canto ebraico,basato sull’opera di Mordekhay Gebirtig,tenuto da Alberto Jona e a due laboratori di canto con Rachel Gould e Miriam Meghnagi.
Nonostante i miei impegni lavorativi prima in uno studio fotografico e poi come assistente di volo,ho ripreso nel 1996 a scrivere pezzi col trio indipendente Mucca Macca,incidendo due dischi per la Cinevox Record di Roma,con un discreto successo in Giappone e molta attenzione in vari paesi europei.
In una perenne alternanza tra il lavoro di designer e artigiana del feltro,quello di fotografa di gruppi musicali e quello di interprete e traduttrice nel campo della psicologia,che mi ha permesso di arricchire gli spunti per la mia crescita personale,soprattutto attraverso l’incontro con l’esperto in EMDR Roger Solomon; dal 1996 ad oggi mi ritrovo ad aver scritto e registrato circa un centinaio di pezzi,prevalentemente destinati a lavori discografici di altri musicisti,tra cui il chitarrista produttore visionario Rosario Castagnola,vari Dj e produttori di musica pop/dance,il grande fumettista Igort,il camaleontico Alessandro Coronas e il raffinatissimo Francesco Sotgiu.
La decisione di dedicarmi interamente alla musica (per modo di dire,dato che sono una madredifamiglia) mi ha permesso di partorire "il mio disco",un disco di “pop anacronistico a bassa fedeltà”,in cui racconto quella che è stata la mia esperienza di vita (fino al giugno del 2010,in cui ho ultimato i lavori),con le sue conquiste e la ricchezza e il calore di chi mi è stato e mi è accanto in questo cammino.
Il disco è stato prodotto da 120 persone che,per sostenermi,hanno acquistato anticipatamente una o più copie,in modo che potessi coprire col ricavato i costi di lavorazione. Ho scelto,per la versione live del disco,tre polistrumentisti: Francesca Corrias,Fabio Coronas ed Elia Casu. Insieme formiamo un quartetto “portatile” di musica in movimento,che colora strade,cortili e piccoli scorci di città e guarda il pubblico negli occhi anziché dall’alto in basso.
"Il mio disco",note di copertina di Paolo Fresu:
Ho provato a seguire il percorso di questo cd fin dalla sua genesi ma confesso di essermi perso dopo un paio di mail e dopo l’ascolto dei primissimi MP3. Tentavo di comprendere cosa si celasse dietro il suono scarno degli oggetti di ogni giorno e dietro la voce soave di Laura Mura ma puntualmente mi ritrovavo dal principio nel tentativo di abbozzare una storia da costruire. Ora e finalmente questa è chiara. O almeno sembra esserlo!
In verità ci si perde ancora un poco… specie se si è alla ricerca di una cifra che solo lei conosce come fosse un codice criptato e segreto e che ha costruito con la pazienza e la dedizione artigiana in oltre dieci anni di esperimenti e di registrazioni casalinghe. Codice che esplica attraverso un linguaggio intimo (a noi sconosciuto?) del quale vuole farci partecipi tracciando segni sonori talvolta onirici ed infantili.
Questo cd è il gioco della sua anima e c’è dentro tutta la sua vita. In questo cd “è” in gioco la sua anima! Non a caso si intitola “Il mio disco”. Mai come in questo caso infatti il termine “giocare” (che è di altre lingue più che dell’italiano) è appropriato nel suo navigare tra pianini giocattolo,armoniche ed altri toys. Tra i suoni del quotidiano,le bande scalcagnate, i raffinati intrecci degli archi e le lingue del mondo (di grandi e di piccoli) spesso usate come semplici rimandi geografici tra onomatopeicità,nonsense e duru-duru non più circondati dal mare. Il suono di Laura è sempre sussurrato senza che lei abbandoni mai le stanze del suo pensiero affascinante quanto naïf (volutamente?).
Molti amici conosciuti e sconosciuti contribuiscono a questo lavoro ma si ha l’impressione che anche questo sia parte del sottile divertissement al quale Laura Mura ci invita a partecipare. Con molto coraggio e con quel pizzico di follia che vi farà perdere e ritrovare in seno ad un racconto che sembra non avere un inizio e una fine.
Mi rendo conto ora,mentre scrivo queste brevi righe,di essermi perduto ancora una volta e di non aver parlato di musica… Mi perdo a parlare,prima che ad ascoltare. Quest’ultimo piacevole passatempo ora è vostro ma,vi prego,consumate questo bel cd con la stessa gioiosa e ludica visionarietà di Laura Mura. Assaporandolo con la stessa lentezza con la quale lei lo ha costruito. Sono certo che diventerà anche “Il vostro disco”!

Organizzazione

Sito Web
Per informazioni e prenotazioni > 329 40 73 223.

985 eventi pubblicati

138 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

# Altri Eventi

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español