Italia Eventi 24
LinguaIT
A Sassari arriva la 65esima edizione della Cavalcata Sarda
La tradizionale sfilata di costumi sardi che oggi rappresenta il momento clou del Maggio Sassarese
Dal 16/05/2014 al 18/05/2014

Metti in evidenza il tuo evento

La Cavalcata Sarda quest’anno raggiunge il traguardo dei 65 anni. La tradizionale sfilata di costumi sardi,che oggi rappresenta il momento clou del Maggio Sassarese,affonda le sue radici storiche nel lontano 1899,quando fu organizzata per la prima volta in onore di re Umberto I e della regina Margherita,in visita nella città.
Oltre alle Serate di Canti e Danze Tradizionali della Sardegna,in programma sabato 17 e domenica 18 in piazza d’Italia a partire dalle 18,dal 2009 l’Amministrazione comunale ha introdotto,nel venerdì che precede la sfilata,la Rassegna di Canti e Danze Popolari ambientata nella suggestiva cornice di Monte D’Accoddi.

La novità del 2014 per questa manifestazione sarà l’esibizione dei Mamuthones della Pro Loco di Mamoiada e di altre maschere. Lo stesso gruppo sarà poi del pomeriggio della domenica all’ippodromo Pinna,dove ancora una volta si mostrerà al pubblico con i suoi tipici movimenti. A seguire,come sempre,gli straordinari spettacoli delle Pariglie,evento organizzato insieme alla Società Ippica Sassarese.

Ritorna anche il Festival internazionale di musica etnica Trimpanu: si inizia giovedì a Palazzo di Città per continuare venerdì in piazza d’Italia.
Visto il grande successo dello scorso anno,replica in piazza Castello,dal 16 al 18 maggio, l’iniziativa Aspettando la Cavalcata: Pani di Sardegna – L’isola del Pane,promossa in collaborazione con la Camera di Commercio del Nord Sardegna,Container e l’associazione Orti Culturali. Un evento culturale e gastronomico,attento alla sostenibilità ambientale,per riscoprire la tradizione dei pani di Sardegna attraverso la promozione di degustazioni,dimostrazioni sulla preparazione dei pani tipici isolani e laboratori per bambini.
Ritorna per il secondo anno anche un’altra novità introdotta nel 2013: il sito internet dedicato alla Cavalcata Sarda,al quale si accede dalla homepage istituzionale www.comune.sassari.it ,in cui si possono trovare tutte le informazioni utili,la storia della tradizionale sfilata di costumi,il programma,il percorso e i contatti con una photo gallery che racconta i momenti più suggestivi della manifestazione.
Novità della 65esima edizione
Per chi non potrà assistere dal vivo alla sfilata,anche quest’anno,grazie a un accordo con l’emittente televisiva Videolina,sarà possibile seguire la Cavalcata Sarda comodamente da casa. Per questa edizione sarà inoltre possibile assistere dal proprio divano alle Pariglie del pomeriggio all’ippodromo,che andranno in onda in diretta su Videolina1,dove sarà anche trasmesso un approfondimento sulla manifestazione a Monte d’Accoddi. Infine su Videolina canale culturale,il 17 e il 18 maggio,ci sarà la diretta della rassegna dei canti e dei balli.
Oltre alla postazione vicino ai portici Crispo,per l’edizione 2014 della Cavalcata Sarda l’Amministrazione comunale ha deciso di ampliare l’offerta rivolta alle persone con disabilità allestendo una tribuna con doppia pedana in via Roma,con posti riservati a chi usa la carrozzina. La tribuna è riparata. Sarà possibile l’accesso fino alle 8.45 da via Bellieni e da via Stintino. Nelle vicinanze saranno collocati servizi per disabili e un punto di distribuzione dell’acqua con le hostess a disposizione della tribuna. Sono disponibili altri posti anche nella Tribuna di piazza d’Italia ma senza protezione per il sole. Il Comune ha preso contatti con le associazioni per far conoscere l’iniziativa agli interessati.
Agevolazioni per seguire al meglio l’evento anche per chi si troverà nelle strade della città: saranno installati maxi schermi in piazza d’Italia,all’Emiciclo e in via Asproni angolo viale Regina Margherita,mentre il palco quest’anno sarà montato sulle scale del palazzo della Provincia.

I biglietti
Anche per la 65esima edizione sono stati messi in vendita i biglietti per assistere alla Cavalcata Sarda dalle tribune in piazza d’Italia. Il tagliando può essere acquistato presso Ticketok in via Tempio,65. Il costo del biglietto è di 10 euro compresa la prevendita (8 euro biglietto e 2 di prevendita). Per informazioni si può contattare Ticketok allo 079/2822015 (orario 9,30 – 13,30 16,30 – 20,00). I tagliandi potranno essere acquistati anche nell’info point che sarà allestito in piazza Castello,da venerdì a domenica mattina,in concomitanza della manifestazione “Pani di Sardegna”.

Il percorso
La Cavalcata Sarda parte alle 9.00 di domenica 18 maggio da corso Regina Margherita di Savoia,percorre via Giorgio Asproni,via Roma,attraversa piazza d’Italia e continua ai portici Bargone e Crispo,in via Cagliari,via Brigata Sassari,Emiciclo Garibaldi,viale Italia per terminare in viale Mancini angolo via Manno.
I numeri della manifestazione
Parteciperanno alla 65esima Cavalcata Sarda,68 gruppi folk di tutta la Sardegna:
16 dalla provincia di Sassari
13 dalla provincia di Oristano
17 dalla provincia di Nuoro
9 dalla provincia di Cagliari
3 dalla provincia Olbia – Tempio
3 dalla provincia dell’Ogliastra
3 dalla provincia del Medio Campidano
4 dalla provincia di Iglesias – Carbonia
Sfileranno 22 gruppi a cavallo,con circa 240 purosangue,oltre ai carabinieri in alta uniforme.

Venerdì a Monte D’Accoddi
Non mancherà nulla,nella tradizionale serata “Note di Sardegna a Monte d’Accoddi”. L’altare prenuragico potrà essere raggiunto con un pullman gratuito da 100 posti che partirà alle 17.45 da corso Regina Margherita di Savoia,in tempo per l’inizio dello spettacolo,alle 18.30. Qui,con la conduzione di Giuliano Marongiu,si alterneranno cantanti e ballerini della tradizione sarda e,novità di quest’anno,anche le maschere dei riti del carnevale.
Voci & suoni di Sardegna
Roberto Tangianu aprirà la serata. Considerato uno dei migliori talenti della tradizione musicale isolana,ha ereditato l’arte del suonare dal padre Dante,con il quale ha militato nella formazione dei “Cuncordia a launeddas”,e dal bisnonno Raffaele Loi (nato e vissuto a Triei,in Ogliastra). L’esordio a soli 10 anni durante la Festa di Sant’Efisio,ha rivelato le attitudini allo strumento,aprendo un percorso che lo ha visto collaborare negli anni con il cantautore Eugenio Finardi,il Tenore “Remunnu ‘e locu” di Bitti,il pianista e compositore Romeo Scaccia, la Banda della Brigata Sassari diretta da Andrea Atzeni (con la quale ha inciso il brano “Is launeddas”),il maestro Alessandro Catte,e numerosi altri artisti.
Il Tenore “Monte Bannitu” di Bitti nasce nel 2006 attraverso la scuola “Santu Jorgeddu de Dure”,promossa dall’Amministrazione comunale. È qui che i componenti del gruppo si incontrano per la prima volta accomunati da questa grande passione e ancora oggi portano avanti un dettagliato lavoro di ricerca volto a riscoprire alcuni moduli del canto bittese ormai dimenticati. Nel 2009 realizzano il primo lavoro discografico dal titolo "cussoglias disitzatas" all’interno del quale è possibile ascoltare la voce di un’anziana donna che canta a tenore. Il gruppo porta il nome di uno dei colli che circondano il paese di Bitti. I componenti sono Mario Sanna (‘oche),Giuseppe Pinna (bassu),Mauro Ena (contra),Andrea Ena (mesu ‘oche).
Il coro “Zente Sarda”,diretto da Enrico Pilo,nasce a Ovodda nel 1980 con lo scopo di ripercorrere col canto corale una parte della memoria che stava lentamente incamminandosi nel tunnel dell’oblio. I suoi obiettivi primari furono subito la ricerca ed il recupero del patrimonio musicale locale e della zona,con particolare attenzione alle parti più caratteristiche riguardanti la sacralità e l’aspetto ritmico della tradizione. In oltre trenta anni di attività il coro Zente Sarda ha avuto modo di varcare tanti confini: dalla Barbagia,a tutta la Sardegna,al Continente ed ad alcuni Paesi dell’Europa Occidentale,avendo modo di proporre le sonorità particolari del canto sardo e riscuotendo dappertutto lusinghieri consensi. I suoi riferimenti,le sue fonti sono state quelle che i nostri predecessori hanno portato fino a noi con tenacia e passione: le melodie dei canti monodici,il canto a tenores e,per la parte sacra,le confraternite,con i canti dei tempi forti della liturgia.
Miti & riti del carnevale
Per l’edizione 2014,l’Amministrazione ha scelto di introdurre questa suggestiva novità nella serata di Monte d’Accoddi. Gli spettatori potranno assistere,oltre ai tipici canti e balli,anche alle performance di queste maschere tradizionali. Saranno presenti infatti anche i Mamuthones e Issohadores di Mamoiada,Sos Colonganos di Austis,i Mamutzones di Samugheo e Sas Mascheras Limpias di Fonni.

Rassegna di canti e danze popolari della Sardegna
Rinnovato anche l’appuntamento in piazza d’Italia,sabato 17 e domenica 18 a partire dalle 18,con la “Rassegna di canti e danze popolari della Sardegna”,condotta da Giuliano Marongiu. Sul palco,quest’anno posizionato sulle scale del Palazzo della Provincia,si alterneranno 31 gruppi la prima serata e 42 la seconda. Piazza d’Italia si animerà con canti e balli tipici della tradizione sarda,arricchiti dai colorati costumi (vedi tabelle con tutti i gruppi).

Le pariglie
Il pomeriggio,a partire dalle 16,l’ippodromo Pinna si animerà con l’immancabile spettacolo delle Pariglie,quest’anno ancora più ricco grazie alle esibizioni dei Mamuthones e degli Issohadores della Pro Loco di Mamoiada,che si terranno poco prima,alle 15. Alla manifestazione,organizzata insieme alla Società Ippica Sassarese,parteciperanno 10 gruppi a cavallo: Aido Maggiore (OR),Dolianova (CA),Fonni (NU),Logudoresa (Ittiri-Thiesi SS),Oristano (OR),Orune (NU),Palmas (OR),Santa Giusta (OR),Villanova Truchedu (OR) e Padria (SS). Tra i partecipanti ci saranno 4 donne.

Pani di Sardegna
Dopo il grande successo del 2013,torna in piazza Castello dal 16 al 18 maggio la manifestazione Pani di Sardegna – L’isola del Pane: tre giorni dedicati alla cultura gastronomica sarda e in particolare al pane,come ingrediente principe di alcuni piatti o come accompagnatore fondamentale per salumi e formaggi. Turisti e visitatori potranno gustare gli antichi sapori che rivivranno grazie alla collaborazione della Camera di Commercio del Nord Sardegna,ditta Container e dell’associazione Orti Culturali (Vedi comunicato).

Trimpanu
La rassegna internazionale di musiche etniche e word music “Trimpanu”,alla sua IX edizione,quest’anno si fa in due. Un primo assaggio si avrà giovedì 15 maggio a Palazzo di Città,a partire dalle 21 per poi tornare come sempre in piazza d’Italia venerdì con Elsa Martin e Marco Bianchi; nome di punta per il 2014 sarà Antonella Ruggiero con Maurizio Camardi sextet in “Universi Diversi”. Fra i musicisti,oltre al sassofonista Maurizio Camardi,si esibirà il percussionista cubano Ernesttico Rodriguez,tutt’ora collaboratore di Jovanotti e Pino Daniele (vedi comunicato stampa specifico).

Le mostre
La Cavalcata Sarda potrebbe essere anche l’occasione per visitare alcune mostre che animano in quei giorni la città.
Al Palazzo della Frumentaria,dal 2 maggio al 30 giugno,è esposta “Splendori dal Giappone. Le storie del principe Genji nella tradizione Edo e nelle incisioni di Miyayama Hiroaki”. Il Museo della Città,con “Splendori del Giappone”,apre le porte alla suggestione visiva del Genji Monogatari,il principe Splendente, opera letteraria del XI secolo che ha influenzato l’arte e lo stile di vita giapponese per secoli. Filo conduttore tra un mondo passato e la sua arte sono le straordinarie opere di grafica dell’artista contemporaneo Miyayama Hiroaki e gli oggetti,paraventi e stampe originali provenienti dal Museo d’Arte orientale di Venezia. Il museo,in quanto custode dei valori e della storia della città,è il luogo dove meglio può manifestarsi il rapporto con culture anche lontane,come quella giapponese,a sua volta profondamente legata alla propria tradizione.
All’Archivio storico comunale,dal 13 maggio al 6 giugno,è visitabile la mostra “Gai semus”,dell’artista Igino Panzino. L’esposizione è costituita da un nucleo di una trentina di stampe su carta ottenute da elaborazioni grafiche d’immagini di origine fotografica,realizzate tramite tavola elettronica,aventi per tema il costume sardo. I soggetti centrali rappresentano particolari dei costumi sardi – di cui la nostra cultura materiale è ricca – in una sintesi formale che li conduce ai limiti dell’astrazione.
Infine in sala Duce,a Palazzo Ducale,sino al 28 maggio ci sarà “Rosari,piccoli cosmi da scoprire”. La mostra espone 400 rosari provenienti da santuari sparsi nel mondo,da chiese campestri della Sardegna e da religioni e culture diverse. Rosari preziosi,rosari realizzati con materiale alternativo,rosari devozionali,oltre a 60 oggetti tra statue e stampe di Madonne Nere con i rosari a loro dedicati.

Le bancarelle
Come gli appassionati sanno bene,a condire le giornate della Cavalcata Sarda ci sono sempre le bancarelle,che offrono ai turisti la possibilità di assaggiare piatti tipici,fare acquisti o semplicemente passeggiare tra uno stand e l’altro,incontrando spesso amici e conoscenti. Il “quartiere delle bancarelle” sarà allestito anche quest’anno nell’area tra piazza d’Armi,corso Margherita di Savoia e via Cavour.

Ufficio Stampa Comune di Sassari

38 eventi pubblicati

20 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

# Altri Eventi

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español