Sassari

Il capoluogo della Provincia del nord Sardegna

Nei primi decenni del 1100 iniziava ad ingrandirsi il piccolo borgo di Thathari (Sassari), che divenne ben presto il capoluogo della curatoria di Fluminargia. Nel 1200 Sassari era già diventata una modesta città, popolata da ricchi mercanti, che utilizzavano Porto Torres come scalo per i loro affari, nel 1293 il centro divenne una repubblica comunale. A questo punto il centro inizia ad assumere la fisionomia che manterrà fin quasi i nostri giorni, crescendo economicamente, culturalmente e strutturalmente, grazie alla costruzione della cinta muraria, di un notevole numero di nuove chiese e del palazzo comunale. Durante il dominio aragonese i Sassaresi insorsero numerose volte e nel 1329 la repressione fu schiacciante, la cittadina venne devastata ed i suoi abitanti vennero allontanati e sostituiti da cittadini spagnoli, a parte quei sassaresi ancora fedeli ad Aragona. Tuttavia la crescita di Sassari sembrava inarrestabile, sennonché i feudatari osteggiarono nuovamente il potere dei mercanti e la fiorente cittadina cadde in una profonda crisi economica.

Sassari emicicloNel 1600 fu il periodo della rinascita culturale, fu aperto un convento di Gesuiti, i quali istituirono l'università. Nel 1848 la Sardegna venne frazionata in 3 divisioni, una delle quali era l'attuale provincia di Sassari che pochi anni dopo diede inizio alla sua grande stagione mineraria (1864-1963) aprendo le cave dell'Argentiera e di Canaglia. Con il del rinnovamento urbanistico di quegli anni si diede il via della cinta muraria di Sassari. Durante il primo conflitto mondiale il mondo intero conobbe il valore dei sardi, grazie alle eroiche imprese della Brigata Sassari, tra le quali quella di Caporetto. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Sassari iniziò finalmente ad espletare il suo ruolo di Capitale del Capo di Sopra, vi fu uno sviluppo di tutti i settori economici, compreso quello dell'industria. Dopo il crollo di questo settore la città sviluppo i settori economici, che mantengono la sua economia attuale: università, uffici, artigianato, istituzioni pubbliche e militari, agricoltura, pastorizia, turismo, portarono la città ad uno splendore mai conosciuto. Anche la politica si ritagliò il suo spazio, sfornando ben due Presidenti della Repubblica: Antonio Segni e Francesco Cossiga.

Il Centro Storico

Il moderno assetto urbanistico di Sassari ha da tempo inglobato il vecchio centro cittadino, il quale però ha conservato quell'aria retrò, che gli conferisce un indiscutibile fascino.

Sassari: monumenti e chiese

Sassari piazza azuniIn un angolo di piazza mercato sorge la Fonte di Rosello utilizzata fin dal Medioevo, all'ingresso si trova la chiesa della Santissima Trinità (1700) e davanti il palazzo della Frumentaria (1597). Dell'antico perimetro di mura i resti più consistenti si trovano in Corso Trinità, in Corso Vico e in via Torre Tonda. In piazza Sant'Antonio si eleva la chiesa di Sant'Antonio Abate (1700), a lato della chiesa si erge una singolare colonna illustrata. La via perpendicolare alla piazza introduce nel cuore del centro storico, un paesino a se all'interno della città. Ci sono piccole botteghe di panettieri e fruttivendoli, strette viuzze vivacizzate dal chiacchierio delle anziane signore sedute alla porta. In via San Carlo, si arriva la convento delle Cappuccine, da dove ci s'inoltra in via Gazometro che incrocia subito con via Sant'Apollinare, dove sorge la chiesa omonima. Nella vasta Piazza Mazzotti, svetta la Colonna Mariana. In un angolo della piazza si trova un passaggio che conduce alla chiesa di San Giacomo (XIII sec.). Dopo questa chiesa, la via s'inoltra nella piazza dove Sorge il Duomo di Sassari (XII e il XIII secolo).

Palazzo della provinciaLa torre della campana fu aggiunta alla metà del 1200. La facciata, l'elemento più caratteristico dell'odierna struttura, fu costruita sul finire del 1600. All'interno della chiesa sono custoditi una serie d'affreschi di indiscutibile pregio, inoltre sul lato sinistro spicca il monumento funerario di un principe Savoia. Davanti al Duomo, leggermente defilata sulla destra, si trova la chiesa di San Michele (XVIII sec.). A lato della chiesa si intravede la struttura del Palazzo Arcivescovile (1200).

SassariAlla spalle della piazza si trova il Palazzo Ducale (1806). All'interno si trova la stupenda collezione di quadri comunale). Alle spalle del Municipio la via Arcivescovado conduce in Piazza Università. In piazza Castello si affaccia la chiesa del Rosario (1630). Attraversando i portici Bargone e Crispo si arriva in Piazza d'Italia, dove il Palazzo della Provincia domina l'enorme foro, nel mezzo del quale fu innalzata la statua in onore di Vittorio Emanuele II, il Re dell'unità d'Italia.Piazza d'Italia e la via Roma, che da questa si sviluppa, sono gli ambienti mondani cittadini per eccellenza. In via Roma sono ubicati il Museo Sanna ed i monumentali palazzi del Catasto e del Tribunale. Da piazza Castello si può ridiscendere nella piazza Tola, nota per il mercatino d'abbigliamento quotidiano. In mezzo alle tende delle bancarelle s'intravede la statua di Pasquale Tola ed alle sue spalle si erge il palazzo d'Usini. Dall'angolare via Cetti si raggiunge il Teatro Civico (1820). Una chiesa che va infine ricordata è Santa Maria di Betlem (XII sec.), una delle chiese più care ai sassaresi.

Le spiagge

sassari la rotonda

Il comune di Sassari è il più esteso della Sardegna, così non è molto strano che le sue spiagge si trovino a decine di chilometri l'una dall'altra, a nord e ad ovest dell'isola. La spiaggia dei sassaresi per eccellenza è Platamona, raggiungibile dalla strada che congiunge Sassari a Porto Torres. Parallelo al lido corre lo stagno omonimo, un angolo incantato per gli amanti del birdwatching. Sul versante ovest, la prima spiaggia del comune di Sassari è Porto Ferro. Una interessante località sul mare è l'Argentiera. L'ingresso in paese è emozionante, in quanto vi si parano subito davanti i ruderi della vecchia laveria, un antico edificio minerario costruito totalmente in legno e considerato il più bel reperto industriale d'Italia. Ritornando verso Palmadula, e proseguendo oltre per circa 8 Km, si arriva alla Spiaggia di Lampianu. Poco distante si trova l'ingresso per Rena Majore.

Archeologia

L'altare preistorico di Monte d'Accoddi (3500-2700 a.C.), una piramide mozzate a gradoni simili a quelle della Mesopotamia, è ubicato tra Porto Torres e Sassari, subito dopo lo svincolo per Bancali. E' raggiungibile solo in questo senso per via del guardrail, arrivando da Sassari si è costretti a fare inversione di marcia all'altezza del succitato svincolo per Bancali.

Avvenimenti

La varietà e lo splendore dei costumi di tutta la Sardegna sono il vero spettacolo

La Cavalcata Sarda è una festa centenaria, che si ripete ogni anno la terza domenica di maggio. Durante la manifestazione le rappresentanze di più di 70 paesi appartenenti alle quattro province sarde si riuniscono per dar vita alla sfilata dei gruppi folcloristici ed in cui i più bravi cavallerizzi sardi si sfidano in articolate acrobazie a cavallo. I Candelieri è la "Festha Manna" (festa grande) di Sassari e si svolge sempre il 14 d'agosto. Durante le celebrazioni i gremi (corporazioni) portano in processione i loro giganteschi ceri benedetti, danzando al ritmo dei tamburi, che rimbombano nelle strette vie del centro.

Itinerari gastronomici

La cucina sassarese è una delle più particolari dell'isola e le lumache sono l'essenza stessa della sua tradizione. Inoltre non si può mancare d'assaggiare la favata, le melanzane alla sassarese, i piedini d'agnello e la ziminata. Informazioni utitli

ATTIVITA'

MAPPA

Caricamento in corso.....

FOTO E VIDEO

COMMENTI

TAGS

sassari provincia di sassari brigata sassari antonio segni francesco cossiga fonte di rosello università piazza d'italia cavalcata sarda candelieri

Eventi: Sassari e provincia

dal 26 luglio al 15 settembre 2014

Raccontare l'estate attraverso la prospettiva di un paio di occhiali, da sole o da vista poco importa. È questo il concept del challenge lanciato da Guide Me Right.

dal 18 al 21 settembre 2014
Sassari · Centro cittadino

L’Italia, la Spagna, la Francia, la Serbia sono i paesi protagonisti di questa edizione.

Guida: Sassari e provincia

Chi Siamo Archivio pubblicazioni Contatti Note Legali Pubblicità Gerenza

© 1999 - 2014 Mare nostrum editrice S.r.l. a socio unico P.iva 02180800902 - Gerenza
Supplemento alla testata giornalistica www.marenostrum.it - Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010 - Iscrizione ROC n°14164
Via Gavino Matta, 3 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 392 9999887
Marenostrum.it | IlPortolano.it | SardegnaEventi24.it | MarenostrumEditrice.it | Zelindo.it

Rss Rss Licenza Creative Commons