Mostra fotografica "Scattare Diversamente" di Adriana Giangrande

Olbia » Museo Archeologico di Olbia

Mostra personale di Adriana Giangrande "Scattare Diversamente", in occasione della 3° Edizione di Monumenti Aperti 2012, organizzata dall'Associazione Arche Olbia.

Fotografa Sportiva - Specializzata in Regate Veliche in tutta la Sardegna http://www.adrianagiangrande.com
978 punti 3 Eventi pubblicati 1 Commenti 1.767 Visite ricevute 42 Condivisioni su Facebook
La mostra potrà essere visitata dal 26 al 30 Ottobre 2012 - presso la Sala Espositiva del Museo Archeologico di Olbia.

EVENTI COLLATERALI
Venerdì 26 ottobre Museo Archeologico, ore 18.00 ...Inaugurazione delle mostre fotografiche di: Matteo Setzu “THURPOS VS SARDEGNA” Adriana Giangrande “SCATTARE DIVERSAMENTE”

Sabato 27 Ottobre Ore 10.00 Molo Brin: incontro e partenza per la visita alla tomba dei giganti e stazzo Labìa.
Ore 11.00 Pozzo Sacro sa Testa: Umberto Soddu e la lavorazione della ceramica nel periodo nuragico “Come allora, gli antichi saperi”. Ore 18.00 Sala Conferenze Museo Archeologico Conferenza archeologica dal titolo: Nel grembo della dea – lo scavo nella necropoli di San Simplicio – Urban Center, presieduta dal responsabile degli uffici della Soprintendenza di Olbia, dott. Rubens d’Oriano e con la partecipazione degli archeologi dott. G. Pisanu e dott.ssa G. Pietra.
Domenica 28 Ottobre Ore 10.00 Molo Brin: incontro e partenza per la visita alla Tomba dei Giganti e stazzo Labìa. Ore 11.00 Pozzo Sacro sa Testa: Umberto Soddu e la lavorazione della ceramica nel periodo nuragico “Come allora, gli antichi saperi”. Ore 11.00 Castello di Pedres: rievocazione storica di epoca medievale organizzata dall’associazione “Il giudicato di Gallura”. Ore 17.00 Biblioteca comunale “Simpliciana”: “Tra lettura e musica”, concerto d’ arpa di Martina Ronchi e Eleonora Farris e presentazione del libro “La luna nel pozzo” di Marinella Mascia con relatrice Martin Fray Piazza Santa Croce, ore 18.30 Esibizione del gruppo folk olbiese “Tradizioni popolari di Gallura” e Coro di Buddusò “Santa Anastasia”.