Cerca articoli

 Il 6 ottobre l'incontro in Regione tra il Sindaco di Bosa e l'Assessore al turismo Luigi Crisponi

Anche Oristano a favore della BITAS 2012 a Bosa

La Provincia di Oristano ha espresso in via ufficiale l’adesione alla candidatura del Comune di Bosa per ospitare la 3^ Edizione della Borsa Internazionale del Turismo Attivo in Sardegna – Bitas 2012.

05/10/2011 18:28:00
GIAN PIERO PINNA
Reporter Gold
107 Eventi pubblicati 44 Notizie pubblicate
Lo ha fatto attraverso una lettera del Presidente Massimiliano de Seneen inviata al Sindaco di Bosa Piero Franco Casula, al Presidente della Regione Ugo Cappellacci e all’Assessore regionale al turismo Luigi Crisponi, che il pomeriggio del 5 ottobre a Cagliari ha incontrato il primo cittadino della città sul Temo.


Oltre alla Provincia di Oristano, Bosa raccoglie anche le adesioni di Alghero, Castelsardo, Macomer, Samugheo, Sorradile, Sindia, le Unioni dei Comuni della Planaria Montiferru e del Barigadu oltre a quelli del Consorzio Turistico Costa del Grifone e degli altri enti e organismi che operano a Bosa e in Planaria.


I rappresentanti della Provincia di Oristano hanno ribadito che Bosa non solo possiede una notevole strutturazione di servizi in grado di soddisfare la domanda di turismo attivo, ma per la sua centralità focalizza i territori dell’Oristanese e di un’area territoriale vasta dove gli operatori hanno la possibilità di pianificare le rispettive offerte turistiche.

Il Presidente della Provincia Massimiliano de Seneen e l’Assessore al turismo Gianfranco Attene hanno aggiunto che qualora la candidatura di Bosa per ospitare la Bitas 2012 ricevesse l’imprimatum della Regione Sarda, la Provincia di Oristano si attiverebbe nella direzione di una fattiva collaborazione per una ottimale riuscita dell’evento.

Il sindaco di Bosa, dal canto suo ha riassunto la tipologia della manifestazione, che si snoda nell’arco temporale di una settimana, che coinvolgerebe più territori dell’Isola in dipendenza della propria vocazione adatta ad un “turismo attivo”. Piero Franco Casula ha inoltre presentato anche le opportunità logistico operative che a Bosa sono messe a disposizione per queste tipologie di eventi: un teatro multisale, i conventi del Carmelo e dei Cappuccini, gli spazi del Seminario Vescovile, altri da ricavare sul Lungotemo e in altre aree prossime all’abitato.


Mappa non disponibile