Cerca articoli

 Oltre 270 appuntamenti rivolti a bambini e ragazzi dai 0 ai 18 anni e lettori curiosi di ogni età

Al via la VI edizione del Festival Tuttestorie. "Non dirlo a nessuno!"

Otto giorni di incontri, laboratori e spettacoli, mostre, giochi, narrazioni e progetti speciali. Dal 4 all’11 ottobre 2011 a Cagliari, Carbonia, Gonnesa, Isili, Mogoro, Oliena, Posada e Quartu Sant’Elena

20/09/2011 18:07:00

L'edizione 2011 del Festival "Tuttestorie" dal titolo “NON DIRLO A NESSUNO! Racconti, visioni e libri che svelano segreti, si svolgerà in più luoghi della Sardegna:

  • a Cagliari dal 6 al 9 ottobre presso l'ExMà, la Mediateca del Mediterraneo e l' Ospedale Microcitemico


  • nelle Biblioteche di Carbonia dal 4 all’8 ottobre


  • a Gonnesa dal 6 e 7 ottobre


  • a Mogoro il 4/5 e 10/11 ottobre


  • ad Oliena il 6/7/8 ottobre


  • a Quartu Sant’Elena il 5/7/8 ottobre


  • al Parco Asusa di Isili il 4/5/6 ottobre


  • nell’Istituto Comprensivo di Posada il 6/7 e 10 ottobre


Dal 4 all’11 ottobre otto giorni di incontri, laboratori e spettacoli, mostre, giochi, narrazioni e progetti speciali con più di settanta ospiti fra scrittori, illustratori, esperti di letteratura per l’infanzia, musicisti, teatranti, giornalisti, cineasti italiani e stranieri, per oltre 270 appuntamenti rivolti ad un pubblico di bambini e ragazzi dai 0 ai 18 anni e lettori curiosi di ogni età.

Verranno coinvolte circa 350 classi per un totale di 8.750 studenti (3.000 in più rispetto all’edizione 2010). Oltre a Cagliari, anche Carbonia, Isili e Oliena propongono un programma aperto al pubblico ideato dai bibliotecari.

Il festival sceglie ogni anno un tema diverso: il 2011 è la volta del segreto, raccontato dalla grafica di Ignazio Fulghesu, con l’invito di Bruno Tognolini a costruire delle immaginarie reti da pesca da una parte all’altra dell’isola per catturare “i pesciolini-dintorni dei segreti”, “i tonni-segreti pubblici”, “gli squali-segreti anonimi” e “i pesci degli abissi-segreti segreti”.

I segreti dei libri incontreranno quelli dei loro lettori, scambiandosi la forza, la sorpresa, il conforto e il senso del leggere. Ecco i giardini segreti, i diari segreti, i dialoghi con giocattoli e amici immaginari, le fantasticherie eroiche occulte, i nascondigli nelle case o nei cortili in cui celare se stessi o i propri tesori, le clandestinità, le identità segrete, i linguaggi dei segni, gli alfabeti cifrati condivisi, le storpiature linguistiche concordate, i segreti dei mestieri.

Dal “Lotto dei segreti” di Oliena curato dal MAN (Museo d’Arte della Provincia di Nuoro) a “Sarò muto come un pesce”, scrigno per la raccolta dei segreti conservato nella Biblioteca di Carbonia: i luoghi del festival custodiranno le rivelazioni di bambini e adulti, invitati a portare i loro segreti all’ExMà il 6 ottobre per “Boccaccia mia stai zitta!”, inaugurazione del festival cagliaritano in programma il 6 ottobre alle 17,00 (ExMà) con i Crastuli, facce di gomma, pupazzi giganti a caccia di segreti da spifferare fra il pubblico, della Compagnia Le Mani di Genova e le Agenti Segrete Ketty Origa e Betty Bucca.

Fra gli ospiti moltissime novità e alcuni nomi eccellenti dell’editoria per l’infanzia. L’illustratrice francese Rébecca Dautremer, nota al grande pubblico per il meraviglioso libro “Principesse dimenticate e sconosciute”, presenterà al pubblico cagliaritano il nuovo “Alice nel paese delle meraviglie” (in uscita a settembre per Rizzoli) affiancata dall’editor Beatrice Masini e dal critico d’arte Maura Picciau e sarà all’ExMà con la mostra “Il Diario Segreto di Pollicino”, per la prima volta in Italia nell’allestimento interattivo curato per il festival dal Teatro Lirico di Cagliari: 104 illustrazioni originali, 2 libri gioco, gli stivali delle sette leghe, il Sentiero di Pollicino (gioco ideato dall’associazione Librìforas) e tanti ambienti ispirati alle tavole della Dautremer per far rivivere le avventure dei sette fratellini in fuga.

Dalla Francia arrivano anche Tai-marc Le Thanh, autore di diverse storie illustrate dalla moglie, Rébecca Dautremer e Bernard Friot, per anni responsabile del “Bureau du livre de jeunesse” a Francoforte, vincitore del Premio Andersen 2009 con “Il Mio Mondo A Testa In Giu”.

In Sardegna per la prima volta l’illustratore Mauri Kunnas, l'autore finlandese per bambini di maggior successo, il tedesco Ingo Siegner, con le storie del Draghetto Sputafuoco e la scrittrice svedese Asa Lind, che presenterà le avventure di Zackarina e del suo amico Lupo Sabbioso con la narrazione di Pino Costalunga, attore e regista del Glossateatro di Vicenza.

Una folta schiera di autori italiani animerà il programma del festival:

  • Massimo Carlotto, a confronto con i ragazzi più grandi sui segreti de “Il Fuggiasco” e con i piccoli su “Il mistero del bisonte scomparso”
  • Beatrice Masini, autrice di “Bambini nel bosco”, primo e unico libro per ragazzi finalista al Premio Strega e vincitore del premio Liber 2010
  • Lia Levi, scrittrice e giornalista, incontrerà i bambini di Cagliari e Quartu Sant’Elena
  • Pierdomenico Baccalario, autore della nota serie di Ulysses Moore e del nuovissimo “Spacciatore di fumetti”
  • Guido Sgardoli, finalista al Premio Andersen 2011 con lo splendido romanzo “The frozen boy” (San Paolo)
  • Andrea Bouchard, vincitore del Premio Biblioteche di Roma con il libro “Acqua dolce”, da cui è stato tratto uno spettacolo che presenterà al festival con l’attrice Mersia Valente

Fra gli altri scrittori ospiti Paola Capriolo, Erminia Dell’Oro, Giovanni Del Ponte, Chiara Carminati, Gianfranco Liori, Alberto Melis, Conchita Tironi e Mariella Marras. In programma diversi laboratori di illustrazione con Emanuela Bussolati, Lucia Scuderi (a Cagliari e a Mogoro), Francesca Chessa, Pia Valentinis e Eva Rasano.

Un quartetto tutto al femminile introdurrà i bambini di Cagliari, Carbonia, Gonnesa e Oliena ai misteri dei numeri e della scienza:

  • Anna Cerasoli la più nota divulgatrice della matematica fra bambini e ragazzi
  • Paola Catapano, giornalista scientifica, specialista della divulgazione delle scienze “dure”
  • Annalisa Bugini, divulgatrice scientifica del gruppo Tecnoscienza
  • Annalisa Strada, creatrice dei laboratori scientifici di Mastino Macchiavelli

Per la prima volta al festival il maestro italiano del libro pop up, Massimo Missiroli, ingegnere della carta che spiegherà qual è il segreto che riesce a trasformare i fogli di cartoncino in castelli, animali e mondi fantastici.

Non mancheranno gli appuntamenti per i più piccoli: le letture di storie e filastrocche affidate a Nicoletta Gramantieri, bibliotecaria responsabile Nati per Leggere Salaborsa Ragazzi (Bologna); “Tralestelle e Trallalla’”, concerto in bim-binore per giocare cantare e ballare tra le rime e le note con Massimiliano Maiucchi; filastrocchiere, e Alessandro D’Orazi, musicista, che con il loro tour faranno tappa in tutte le sedi del festival da Posada a Gonnesa; le ninne nanne ai quattro venti di Francesca Amat, i laboratori musicali di Crescendo e quelli creativi di Coilibrì.

Gli spazi dedicati al teatro ospiteranno lo spettacolo “Intra su mari e su celu…”, liberamente ispirato a “Il racconto dell’isola sconosciuta” di José Saramago, di e con Luisa Bevilacqua e Daniela Collu (Compagnia Dadalù – Teatro del Segno); “Ti racconto di Iqbal”, con Daniela Pani e Deborak Scerbo Perrucci e la regia di Monica Porcedda (Produzione La Cernita Teatro).

Il reparto di Oncoematologia Pediatrica del Microcitemico di Cagliari ospiterà, grazie alla collaborazione dell’Associazione ASTAFOS e delle edizioni Carthusia, le letture della scrittrice Emanuela Nava con “Il gatto che aveva perso la coda e altre storie”. Il libro, nato da un’idea dei tecnici di radiologia dell‘Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, Gabriele Carabelli e Sarah Frasca, e realizzato grazie alla fondazione Magica Cleme (nata dai genitori di Clementina, una bimba morta di tumore) racconta una storia pensata per accompagnare i bambini durante il loro difficile viaggio di cura.

Il 6 ottobre Emanuela Nava sarà all’Exmà con lo scrittore Bruno Tognolini, il maestro della scuola in ospedale Andrea Serra e la psicologa Maria Grazia Corrias, nell’incontro per adulti “Si può dire dicendolo”: un dialogo a più voci per raccontare come in ospedale la lettura a voce alta e i libri possono sostenere bambini e adulti nel difficile percorso terapeutico e aiutare a dire anche ciò che non si può e non si riesce a dire.

Il programma adulti del BABBO PARKING di Cagliari ospiterà anche tre incontri serali (ore 21,00), tutti nella Piazza Blablà dell’ExMà.

Giovedì 6 ottobre “Segreti e silenzi”, dialogo sulla Shoa fra due scrittrici di generazioni diverse, l’israeliana Lizzie Doron, invitata al festival da David Grossman (i suoi libri pluripremiati sono pubblicati in Italia da Giuntina) e Lia Levi, una delle voci più autorevoli dell’ebraismo italiano. Le intervista il giornalista Wlodek Goldkorn, caporedattore cultura de L’Espresso.

Venerdì 7 ottobre è in programma “Il tradimento necessario”, dialogo fra cinema e letteratura con lo scrittore Massimo Carlotto (dai suoi libri sono nati tre film, “Il fuggiasco”, “Arrivederci amore, ciao” e “Jimmy della collina”) e il regista Salvatore Mereu, agli ultimi giorni di riprese del suo nuovo film, “Bellas Mariposas”, tratto dall’omonimo libro di Sergio Atzeni.

L’ultimo appuntamento con il Babbo Parking è per sabato 8 ottobre con “Volevo essere una farfalla” (Mondadori): Michela Marzano, scrittrice e professore ordinario di filosofia morale all’Università La Sorbona, presenterà il suo ultimo libro, coraggiosa testimonianza della sua esperienza di anoressia, affiancata dallo psichiatra Marco Bernardini e dalla giornalista de La Repubblica, Simonetta Fiori, che condurrà l’incontro.

Negli stessi giorni (ore 20,00) anche la Biblioteca di Oliena ospiterà un ciclo di incontri intitolato “I segreti scritti e raccontati dagli adulti” con gli autori Alessandra Manfredini, Alessandro Stellino e Antonello Monni.

Tantissimi i laboratori di lettura, illustrazione, musica, teatro, scrittura, costruzione di aquiloni, incisione, fotografia e danza. Impossibile citare tutti gli animatori e le associazioni culturali coinvolte. La Cooperativa Servizi Bibliotecari proporrà attività di animazione sul Bibliobus e diversi laboratori e mostre sul tema del segreto a Isili, con il coinvolgimento dell’Ufficio della lingua sarda. A Carbonia la gran parte delle attività laboratori saranno affidate alla Cooperativa S.C.I.L.A. Spazio anche ai giochi a squadre, di ruolo, alle cacce al tesoro, alle mostre del libro.

Il programma del festival propone alcuni progetti speciali sempre pensati attorno al tema del segreto: “CRASTULI. Facce di gomma a caccia di segreti da spifferare”, pérformance interattiva a cura della Compagnia Le Mani di Genova; “Se del giardino la porta è mia”, cantiere di creazione infantile a cura di Elena Morando e Alessandro Carboni, ispirato libreramente a “Il Giardino Segreto”, di Frances Hodgson Burnett, e a “Locus Solus”, di Raymond Roussel; “Visti dal buco della fiaba” mostra dei segreti di fiaba, opere di Francesca Amat con la collaborazione di Bruno Tognolini; l’Ufficio Poetico dei Segreti che com’è oramai tradizione, risucchia le storie di segreti arrivate al festival e aspira le voci registrate che dicono cose intorno ai segreti; “Chi l’ha visto?”, caccia all’autore progettata dal Ludomastro Carlo Carzan (Associazione Così per gioco di Palermo).

Ideato, organizzato e promosso da Cristina Fiori, Manuela Fiori e Claudia Urgu della Cooperativa e Libreria per Ragazzi Tuttestorie e presieduto dallo scrittore David Grossman, il festival è realizzato con la collaborazione dello scrittore Bruno Tognolini, di Vittoria Negro (rapporti con le scuole) e dei bibliotecari dei comuni coinvolti. Una novità, questa della rete con altri comuni, che rafforza il valore del festival sul territorio e si presenta come la naturale evoluzione di un lavoro comune svolto negli anni assieme a bibliotecari e insegnanti.

La partecipazione al festival è gratuita e libera sino ad esaurimento dei posti disponibili. Le attività a numero chiuso e su prenotazione sono segnalate sul programma.

Le prenotazioni su Cagliari possono essere effettuate dalle ore 8:30 del 28 settembre alle 24:00 del 4 ottobre 2011 via mail (prenotatuttestorie@gmail.com) o telefonicamente (3403206171 - dalle 9:00 alle 13,30 e dalle 15:00 alle19:00).

Per ulteriori informazioni sugli autori ospiti e sui programmi completi di tutte le sedi del festival si può consultare il sito del Festival Tuttestorie.




Mappa non disponibile