Cerca articoli

 Valorizzazione del centro storico come Borgo Autentico.

Sorradile e la prima edizione del Premio Biennale “Lago Omodeo-Noi Sardi nel Mondo"

In serata migliaia di persone hanno preso parte alle cerimonia di premiazione di Caterina Murino

03/08/2011 22:07:00
GIAN PIERO PINNA
Reporter Gold
107 Eventi pubblicati 44 Notizie pubblicate
Il comune di Sorradile archivia con successo la prima edizione del Premio Biennale “Lago Omodeo-Noi Sardi nel Mondo”, un evento riuscito ad iniziare dalla inaugurazione della mostra sull’Unità d’Italia presso la Pinacoteca Segni, a cura della FASI e i successivi incontri presso il Centro di Aggregazione Sociale con una interessante relazione sul Risorgimento tenuta dal prof. Giuseppe Tognon, dell’Università LUNSA di Roma, con le letture di Silvia Arca e Pino Porcu accompagnati da Riccardo Zinzula.


Il convegno successivo, invece, ha affrontato uno spaccato dei problemi dell’emigrazione, con l’intervento di Serafina Mascia, vicepresidente nazionale della FASI, le testimonianze di quanti vivono fuori dall’Isola e partendo dai piccoli borghi, hanno conosciuto la strada dell’emigrazione.

In serata migliaia di persone hanno preso parte alle cerimonia di premiazione di Caterina Murino, per il cinema, Paolo Fresu, per la musica e Mino Carta per il giornalismo. L’attrice e il giornalista ne hanno apprezzato il carattere e il significato, mentre il sindaco di Sorridile, Pietro Arca, ha commentato positivamente la riuscita della manifestazione, nata per rilanciare le potenzialità del Lago Omodeo sotto il profilo turistico, sportivo e ambientale e la valorizzazione del centro storico come Borgo Autentico.

Alla cerimonia conclusiva sono intervenuti gli assessori regionali Sebastiano Sannittu e Sergio Milia, il presidente della Provincia, Massimiliano de Seneen, con l’assessore alla cultura Serafino Corrias, il prefetto Giovanni Russo, il comandante dei carabinieri Giuseppe Palma, il questore Piernicola Silvis e i consiglieri regionali Attilio Dedoni, Gian Valerio Sanna e Antonio Solinas.
Gian Piero Pinna