Cerca articoli

 Breve racconto di un escursione nei pressi di Tortolì

Nessuno ci può derubare nel profondo dei nostri sogni: la solitudine di Orrì.

Quando la primavera avanza in una giornata di aprile

18/04/2013 18:30:00
Matteo Marteddu
Reporter Gold
23 Eventi pubblicati 42 Notizie pubblicate
Giornate tropicali d'aprile in questa parte di Sardegna, Tortoli, mare, Lido di Orri.

E' anche lo specchio della Sardegna ancora in solitudine.

Eppure mattinate come queste, camminando tra macchia verde oro e mare limpido, brucia l'idea che offriamo suggestioni che altri non hanno.

Attorno brulichio di piccoli imprenditori che in quei due mesi vorrebbero catturare attenzione e turisti. Ordine, pulizia, camminamenti di straordinaria compatibilità ambientale; tutto risulta fascino, oggi, qui.


Colori unici, verde intenso e giallo accecante da Foxilioni al Golfetto. E quel mare; onde leggere accarezzano, nella bassa marea, le rocce lavorate dai secoli, emergenti graniti grigi, in qualche parte scolpiti o dal tempo o dalla mano di antichi guerrieri.

E' la Sardegna che si specchia in queste solitudini.

Chi non viene perde molto e non ci sarà un recupero nel disordine vociante d'agosto.
Destino dell'Isola: vivere le sue struggenti bellezze, piegata su se stessa, aspettando.

Ma oggi quando la primavera sta incrociando l'estate prematura, nessuno ci può derubare nel profondo dei nostri sogni.. Qui a Orri, Tortoli, giorno di meta' Aprile.


Mappa non disponibile