Grande successo a Sassari per Jazzy Christmas

Un successo annunciato per l'ormai classico appuntamento natalizio Sassarese. Sul palco Paolo Fresu e il suo quintetto storico in compagnia di Daniele di Bonaventura

13089 punti 10 Eventi pubblicati 17 Notizie pubblicate 5 Commenti 24.537 Visite ricevute 364 Condivisioni su Facebook
Un successo annunciato per l'ormai classico appuntamento natalizio Sassarese, sul palco Paolo Fresu e il suo quintetto storico.
Il Paolo Fresu Quintet (Tino Tracanna, Roberto Cipelli, Attilio Zanchi ed Ettore Fioravanti) nato nel 1984 ancora oggi si esibisce dopo 28 anni di grande musica anni di grande musica.

Il concerto "Jazzy Christmas" si è tenuto al nuovo Teatro Comunale che ha ospitato il pubblico per il classico concerto di Natale a ingresso gratuito, offerto dal Banco Di Sardegna. Il concerto è stato anche occasione per concludere in bellezza il percorso svolto in questi ultimi due anni dal musicista di Berchidda, per il progetto "!50" che in occasione del suo cinquantesimo compleanno lo ha portato in giro per la Sardegna accompagnato dai nomi più importanti del panorama jazz e non solo.

Ieri sera sul palco ad accompagnare Fresu e il suo quintetto una guest star d'eccezione Daniele Bonaventura, musicista marchigiano, virtuoso del bandoneon (lo strumento a mantice tipico del tango). In scaletta solo il meglio della musica natalizia con una certa ricerca nei classici della tradizione mondiale e senza dimenticare Berchidda e il suo parroco "Babbai" Pietro Casu (1878-1954) da cui nascono le migliori "Cantones de Nadale" musicate negli anni Venti del secolo scorso da Agostino Sanna il tutto arrangiato in chiave jazz.

Un successo annunciato e confermato da un tutto esaurito in sala per un concerto che quest'anno ha un significato ancora più profondo in un Natale sottotono, dove le luci della tradizione non splendono come dovrebbero. Un natale che non vedrà i centri affollati né la voglia di festeggiare per la maggior parte delle famiglie. In questo clima, un'occasione di ritrovo come questa ha una valenza speciale, perché tra le tante rinunce l'arte e la musica, anche solo per qualche ora, possono davvero portare un po' di speranza.