Un atto unico allegro e frizzante tratto da un testo di Vittorio Renuzzi

Arianna e le altre, al Civico di Sassari

Un viaggio onirico durante il quale incontrano altri personaggi femminili del mito e della letteratura

Mario Borghi di Mario Borghi - Reporter: Mario Borghi
Il personaggio catalizzatore di Arianna e le altre, messo in scena giovedì 14 giugno 2012 dai bravissimi ragazzi della Compagnia delle Arti, sotto la guida preziosa di Luca Losito e Valeria Alzari, una mattina si sveglia su un’isola e si accorge di essere stata abbandonata da Teseo, fuggito su una nave da crociera con sua sorella. Si dispera tantissimo e in suo soccorso arriva Ariel (Luca Losito), che l’accompagna in un viaggio onirico durante il quale incontrano altri personaggi femminili del mito e della letteratura, più o meno fortunati, che si raccontano in chiave moderna e inedita.

Per prima arriva la professoressa genetista Dedalo che spiega, da un punto di vista scientifico tutto suo, quali sono state le mutazioni genetiche che hanno portato alla nascita del Minotauro, toccando argomenti di attualità quali la clonazione e la fecondazione artificiale, dopodiché – di fronte a una Arianna sempre più disperata sul letto dell’abbandono – si alternano Dafne, Francesca da Rimini (esilarante, si presenta come una moderna “bimbaminkia” che saluta tutti quelli che la conoscono, poi rivela particolari inediti su Paolo), Ippolita, Giovanna d’Arco (che consiglia ad Arianna di smettere di fumare), Elena di Troia, Didone furente contro Enea, Medea abbandonata da Giasone, Penelope e Calipso vittime di Ulisse, poi donna Elvira che cinguetta, pistola in mano, un singolare disappunto nei confronti di Don Giovanni, in un susseguirsi di situazioni surreali e comiche che Ariel, con disincanto, commenta e conduce magistralmente.
Le baccanti concludono l’incubo ballando uno scatenato pezzo da discoteca al seguito del loro idolo, il quale pone gli occhi su Arianna, che lo guarda tra lo sbigottito e l’incuriosito.

A teatro si rievoca, si interpreta, anche in maniera dissacrante, e non importa dove sia il vero, il falso o l’indefinito, e in questo atto unico la girandola di personaggi che si sono avvicendati sul palco ci ricordano i corsi e i ricorsi nella storia, che si ripetono simili ma mai uguali, prigionieri della fragilità e dei limiti umani, sebbene nelle mani del fato.Arianna, forse per convincersi di non essere la sola nella storia ad avere subito una delusione, rievoca quelle che lei crede essere le sue “compagne di sventura”, per superare il suo dolore, ma alla fine cade nelle braccia di un Dioniso che – con garbo e gentilezza – la attira nuovamente in un labirinto. Arianna catalizza gli eventi di questa esilarante piéce, ma il vero protagonista della commedia è il dramma, il rapporto conflittuale che si ha con se stessi, per risolvere il quale si cerca da una parte di appoggiarsi a qualcuno, cui chiedere consiglio, dall’altra di trovare chi, prima di noi, in qualche modo sia incappato in qualcosa di simile al nostro dramma, sia per vedere come ha risolto il "dramma", sia per convincersi di non essere poi troppo soli nelle tragedie.

Un meccanismo di sopravvivenza, che si appella alle tecniche oniriche e che cerca espedienti per non far cedere del tutto l’animo umano, che resta sempre sospeso nella poesia.Bravi, non riesco aggiungere altro, bravi gli attori, che ci hanno fatto ridere e riflettere.

Chi Siamo Archivio pubblicazioni Contatti Note Legali Pubblicità Gerenza

© 1999 - 2014 Mare nostrum editrice S.r.l. a socio unico P.iva 02180800902 - Gerenza
Supplemento alla testata giornalistica www.marenostrum.it - Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010 - Iscrizione ROC n°14164
Via Gavino Matta, 3 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 392 9999887
Marenostrum.it | IlPortolano.it | SardegnaEventi24.it | MarenostrumEditrice.it | Zelindo.it

Rss Rss Licenza Creative Commons