Al Teatro Massimo una trasposizione coinvolgente e drammatica dell'imponente romanzo di Dostoevskji

I fratelli Karamàzov: una finestra sull'anima umana

Il senso dell'umano vivere tra amore e odio, religione e ateismo, bene e male, verità e giustizia

Data Articolo: 27/03/2012 13:39:00
http://www.sardegnaeventi24.it/public/folders/100/80386-foto-del-profilo-personale.jpg

Daniela Deidda

star star star Reporter Gold

931 eventi pubblicati

97 notizie pubblicate

Ecco la ricetta per mettere in scena una siffatta opera: consapevolezza delle proprie capacità, una profonda conoscenza della materia letteraria, una buona dose di coraggio e un pizzico di follia. Il regista Guido De Monticelli coordina le compagnie teatrali del Teatro Stabile della Sardegna e quella del Metastasio della Toscana, realizzando uno spettacolo dal forte impatto emozionale e ci restituisce l'ultima opera dello scrittore russo su un palco dalla scenografia essenziale e cupa come il peso delle colpe e delle paure che trasudano dal romanzo stesso.

Scoperchia un vaso di Pandora liberando dubbi vischiosi che aleggiano nella platea alla ricerca di nuove dimore mentali da occupare abusivamente.


"I fratelli Karamazov", nella loro complessità letteraria tra narrazione e filosofia, segnano la tappa finale di un percorso esistenziale tormentato e visionario fatto di sofferenze, drammi, malattie ed esilio. Dostoevskij lascia un patrimonio di riflessioni che compendiano il senso dell'umano vivere tra amore e odio, religione e ateismo, bene e male, verità e giustizia ma, come i filosofi, non regala risposte semmai offre occasioni di pensiero. E i pensieri frullano come fragili ali d'uccello che impattano contro pareti specchiate che illudono profondità. Il tentativo di aggrapparsi a piccoli appigli vitali rimane deluso come mani tese su un baratro infinito al cui fondo baluginano frammenti di speranza.


Tutti i personaggi, cesellati con perizia nella loro interiorità lacerata, contradditoria, impetuosa e passionaria, costantemente alla ricerca di verità assolute, ruotano attorno alla figura di Alëša, “l'uomo puro che sa leggere nel cuore degli altri, capace di accettare il male perché sa che non è mai disgiunto dal bene”. Attorno a questo baricentro, apparentemente saldo, tutti oscillano pericolosamente tra salvezza e dannazione richiamati da quella voglia di vivere con le viscere e con il ventre e ci ricordano che “il segreto dell'esistenza umana non è vivere per vivere, ma avere qualcosa per cui vivere”.


Tags

#Altre Notizie

Metti in evidenza il tuo Evento

Metti in evidenaza il tuo evento e raggiungi migliaia di utenti. Scopri le offerte a te riservate.

Offerte per gli eventi

Metti in evidenza la tua Impresa

Hai una azienda? Noi possiamo darti visibilità. Controlla le promozioni che ti abbiamo riservato. Clicca sul bottone qua sotto.

Offerte per le imprese

Contribuisci anche tu

Crea anche tu nuovi contenuti per SardegnaEventi24.it ed entra a far parte della community!

Segnala un evento

Scrivi un articolo

Diventa reporter

#Instagram

#Community

Classifica per eventi e articoli inseriti, visualizzazioni e condivisioni

I più popolari della settimana

Eventi visti: 13073
Notizie viste: 7789
Eventi visti: 7307
Notizie viste: 0
Eventi visti: 5926
Notizie viste: 172
Eventi visti: 4317
Notizie viste: 563
Eventi visti: 2927
Notizie viste: 177

I più attivi della settimana

Eventi inseriti: 13
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 7
Notizie inserite: 3
Eventi inseriti: 2
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 2
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 2
Notizie inserite: 0